La guerra sul territorio di Francia

Abbiamo aspettato, nella speranza che i moti si placassero, ancora una volta non è successo ed allora vogliamo raccontarvi anche di un’altra guerra che si combatte vicino a noi. Praticamente l’abbiamo alle porte di casa ma per i media governativi è poco importante.

A venticinque chilometri dalla Toscana, passando per l’Isola di Gorgona, a dodici chilometri dalla Sardegna passando per le Bocche di Bonifacio è scoppiata la rivolta “in nome dell’indipendenza” ed al grido “Statu francese assasinu”.

In Corsica va avanti da ormai due settimane una violenta rivolta nei confronti delle istituzioni francesi, alimentata da un sempre vivo spirito separatista all’interno della regione. Le proteste corse sono una conseguenza di quanto avvenuto il 2 marzo scorso all’interno della prigione di Arles, quando l’indipendentista Yvan Colonna sarebbe stato aggredito da un altro detenuto finendo, dopo otto minuti di strangolamento, in coma. Questa ricostruzione non ha convinto la popolazione dell’isola che così è scesa in strada per manifestare il proprio dissenso, accusando Parigi di essere responsabile del tentativo di omicidio del simbolo del movimento indipendentista.

Domenica 13 marzo la protesta a Bastia è sfociata in “guerriglia urbana”, con tanto di lancio di molotov verso la prefettura e un bilancio di 67 feriti, tra cui 44 agenti delle forze dell’ordine. Per cercare una soluzione agli scontri, il ministro dell’Interno francese, Gérald Darmanin, si è recato questa settimana in Corsica, con l’obiettivo di, si legge in una nota, “aprire un ciclo di discussioni con i rappresentanti e le forze vive dell’isola”, provando così a dare risposta alle “richieste dei rappresentanti corsi sul futuro istituzionale, economico, sociale o culturale” della regione, soprattutto “a quelle del presidente del Consiglio esecutivo, Gilles Simeoni”, un ex indipendentista eletto rappresentante dell’isola che chiede lo statuto speciale autonomo. 

Il movimento chiede un immediato tavolo per le negoziazioni e che queste passino tramite la designazione di un interlocutore del governo francese. I negoziati non dovranno svolgersi attraverso un comitato ristretto e nei palazzi parigini ma dovranno coinvolgere largamente le forze istituzionali, politiche, sindacali della Corsica.

Oggi sabato 19 marzo, la Corsica rimane una polveriera pronta a riesplodere al minimo passo falso del Governo francese ma i nostri quotidiani e le nostre televisioni non ne danno conto, solo pochissime testate indipendenti parlano di questo dramma e noi, attraverso questo contributo chiediamo esplicitamente la libertà di informazione, visto che paghiamo coercitivamente un canone che ce ne dà pienamente diritto.

7 ottobre 1571

Battaglia di Lepanto All’interno della Chiesa, tanti cimeli che la ricordano. Andate a visitarla e pregate che una nuova guerra non abbia inizio, perché la prossima sarà con le clave ed i sassi… .

L’istruzione…

…è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo. – Malcolm X –

Pubblicato da marco monaco

Consulente aziendale per l'organizzazione ed il marketing, Medaglia d'oro Avis - donatore di sangue. Presidente di Promosferae Ass.ne Promozione Sociale, organizzazione no profit che si occupa di sociale, formazione, ambiente. Scrittore e fotografo per diletto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: